Home > Primo piano > La nostra geometria fatta con le mani

La nostra geometria fatta con le mani

14 Gennaio 2010

 

L’area delle figure geometriche

Ieri a scuola abbiamo fatto l’area e l’equiestensione dei poligoni.

La maestra ci  ha dato un foglio con disegnati dei quadrati,

noi li abbiamo colorati e ritagliati.

 La maestra ci ha detto di costruire un poligono con 5 quadrati e di delimitare .

il perimetro con il colore rosso

Prendendo come unità di misura 1 quadrato abbiamo calcolato che  per costruire il poligono abbiamo utilizzato 5 quadrati e quindi lo spazio ocupato è uguale a 5 quadrati.  Abbiamo capito  lo spazio occupato dalla  figura si chiama AREA.

EQIUIESTENSIONE

Ci ha poi dato detto di creare due poligoni di diversa forma ma con lo stesso numero di quadrati.

Le figure che abbiamo creato si chiamano  " equiestese o equivalenti  ", perché pur avendo forma diversa hanno occupato lo stesso spazio e  cioè hanno la stessa AREA .(Federico)

LA CONGRUENZA

L’altro giorno,a scuola,la maestra ci ha consegnato una scheda,con raffigurate dei polligoni e la consegna ci diceva di ricalcare con la carta lucida le figure,poi di ritagliarle incollarle sopra quelle originali.

Allora noi ci siamo armati di forbici, matita e colla e abbiamo fatto il lavoro assegnatoci.

Dopo  incollate le figure di carta lucida sopra quelle originali,abbiamo notato che i due tipi di figure incollate una sopra le altre,erano identiche. Allora la nostra maestra ci ha spiegato che quella si chiama "CONGRUENZA si riconosce,quando due figure disposte l’una sopra le altra  coincidono, hanno cioè la stessa forma,  lo stesso perimetro e occupano lo stesso spazio ossia la stessa area.( ENRICO  )       

Villacidro, 14 gennaio 2010                                                                                         

Categorie:Primo piano Tag:
  1. m.Elisa
    24 Febbraio 2013 a 18:19 | #1

    Grazie Antonella ! anch’io ci credo fermamente ..un caro saluto e a presto
    Elisa

  2. Antonella
    23 Febbraio 2013 a 19:45 | #2

    sono un’insegnante di scuola primaria alla ricerca di confronti d’esperienze,credo fermamenre nel valore di una didattica operativa e… la tua esperienza l’ho trovata interessante

  3. m.Elisa
    26 Marzo 2012 a 14:14 | #3

    Cara Maria …hai commentato un lavoro fatto con gli altri bimbi che avevo e che adesso sono in seconda media …mi piace far manipolare ..far toccare ocn le mani il sapere …e appena se ne presenta l’occasione le mani e la mente sono i primi strumenti che faccio usare …..grazie del tuo commento…
    e spero torni a trovarci presto
    elisa :-)

  4. maria
    26 Marzo 2012 a 5:52 | #4

    Cara maestra,
    bello sentirsi chiamare ancora così e farsi dare del tu.
    Sono perfettamente d’accordo con te sulla costruzione del sapere da parte deli bambini. Parola d’ordine: “manipolare”.
    E’ bello ogni tanto condividere con qualcuno lo stesso modo di pensare la scuola.
    Complimenti e saluti

  5. m.Elisa
    26 Febbraio 2012 a 19:58 | #5

    Gentilissimo,Mario Mangione, ti ringrazio del commento ..e grazie per i chiarimenti che hai voluto dare ..anche se non trovo riscontro sul post scritto , allora dai bambini . Rileggendo non mi pare di aver parlato di volume ma solo di perimetro e area ..anche perchè si tratta di fiugure piane e non di solidi .L’intento era appunto di dimostrare i concetti sopra descritti ..Comunque grazie ancora del commento e dell’attenzione .un caro saluto
    elisa

  6. Mario Mangione
    26 Febbraio 2012 a 17:44 | #6

    Cara Maestra Elisa,
    complimenti, si vede la passione che hai per l’insegnamento.
    Volevo solo chiarire un concetto.
    Bisogna distinguere l’ente geometrico (teoria ) e quindi il piano o parti di piano come le figure geometriche (che quindi non occupano spazio poichè non hanno spessore) dalla rappresentazione delle stesse nella realtà quotidiana (la didattica che si ha con i bambini).
    Nello spazio (a tre dimensioni) ci si occupa del volume dei corpi (solidi o altro) ma non del volume delle superfici. Il concetto di superficie riguarda eventualmente le facce di un corpo.
    Un foglio di carta non è una figura geometrica ma è un solido perchè ha uno spessore anche minimo ed è la rappresentazione materiale di un ente geometrico (limitato) che è il piano. Buon lavoro !
    Buon lavoro.

  7. m.Elisa
    9 Febbraio 2012 a 15:48 | #7

    Grazie Rina …chiunque tu sia ti ringrazio per le parole che mi hai lasciato
    un caro saluto
    elisa :-)

  8. Rina
    9 Febbraio 2012 a 13:41 | #8

    Ottimo lavoro, ragazzi e complimenti ad una maestra che conosce la psicologia dell’età evolutiva e sa "interessare". Sarebbe auspicabile che altre insegnanti capiscano questo ma soprattutto che certi testi scolastici "comprendano" che gli alunni non siano "tuttologi astratti". Ho letto testi di scienze e geografia "soltanto teorici e astratti". Un esempio: soluzione, miscuglio, solvente e soluto……La sua esperienza non sarà solo utile ai normodotati ma aiuterà anche chi alcune difficoltà. Grazie

  9. 19 Gennaio 2010 a 19:02 | #9

    Wow bambini! Complimenti. Proprio un bellissimo lavoro ;)

    ————————————-

    grazie Matteo

    m. elisa

  10. gaby
    18 Gennaio 2010 a 0:54 | #10

    Area = superficie occupata da una figura piana.

    Se parliamo di spazio, parliamo di tre dimensioni e quindi di volume!

    —————————————————-

    stiamo parlando di poligoni a due dimensioni …e non di solidi… lo spazio lo occupano anche le figure piane …un saluto… anche se non so chi tu sia ..

    m. elisa

  11. 16 Gennaio 2010 a 22:46 | #11

    Che dire: siete stati bravissimi! Un caro saluto, Fabio

    ————————————————

    grazie fabio

    m.elisa

  12. elisa
    16 Gennaio 2010 a 15:33 | #12

    Grazie Annarita.. cercherewmo di usare anche i software…prossima attività: i triangoli: costruzione e calcolo del perimetro e dell’area.

    un caro saluto

  13. 16 Gennaio 2010 a 15:07 | #13

    Una bellissima attività. Complimenti ad alunni e maestra! Il manipolare per apprendere è basilare, soprattutto a questa età. Successivamente, vengono altri strumenti come i software dinamici, che possono affiancare l’attività manipolativa, grazie alla quale si concettualizzano le categorie geometriche.Un abbraccio a tutti e buon week end!annarita

I commenti sono chiusi.